Le parti più autentiche di una città

Esistono ancora località meno invase, sì, ma credo non ci siano più città in Europa non soffocate dal turismo. Probabilmente, da nessuna parte del mondo.
Sono rimasta stupita dalla folla incredibile nel centro di Praga in un martedì pomeriggio di metà novembre. Insomma, non sono fuori dal mondo, di città ne visito tante, sono una guida turistica e vengo da una delle regioni più visitate del mondo, ma non so, ero voluta rimanere legata all’immagine di una parte di Europa ancora riservata a un turismo più lento, più…accurato, autentico.

Ma quando mai.
Ricordavo una Praga in cui tutto costava pochissimo, con qualche piccolo gruppo di tedeschi in giro per la zona del Castello, i cartelli sbiaditi anni ’80 e il Ponte Carlo percorribile senza urtare di continuo qualcuno, con le statue tutte ancora annerite. Era l’anno prima dell’avvento dell’euro qui da noi.

Un simile pensiero nostalgico, ma ancora di più perché appartenente a qualcuno che ricorda una Praga ancora in pieno comunismo, viene da quel bellissimo articolo di cui vi parlai due post fa. La Praga prima della separazione dalla Slovacchia, della caduta del muro di Berlino e del turismo di massa degli anni ’90 (ecco qui il link).
Per fortuna l’autore dell’articolo crede ci siano ancora momenti in cui si riesce a rivedere il lato magico, medievale o imperiale, della città, soprattutto quando tutto è silenzioso, ovattato e cristallizzato dalla neve. Leggetelo, perché è bellissimo. Ecco alcuni estratti, legati ad alcune foto che ho scattato proprio con quelle frasi in mente.
Volevo provare a vedere la città così, anche se la neve non c’era. Ho visitato una bellissima Praga autunnale piena di foschia al mattino e di colori caldi il pomeriggio.

“Il cielo di Praga è diventato bianco.
L’aria è sospesa, frullata insieme a un grande silenzio ovattato. Il pomeriggio ha il sapore di un’attesa meravigliata. Sotto i ponti la Moldava scorre senza un fruscio e senza un riflesso… I cigni tagliano l’acqua di ghisa  come lame nel burro. Passano con la grazia eterea di creature sognate, gonfiano le piume. Si avvicinano a chiunque si fermi sulla riva.  Angeli che elemosinano tozzi di pane.
1985 , i cigni c’erano anche allora. Meno turisti, meno insegne, meno luci e più odore di carbone”


“Praga allora era il Medioevo assoluto. Era il mantello del mago trapuntato di stelle. La favola gotica. Anche se guardavi le sue curve barocche, i suoi ori, il suo fiammante rinascimento, chissà perché, vedevi sempre il Medioevo. Non somigliava a nessun’altra città. Era una visione dentro una teca di cristallo nel cuore di una terra di foreste al centro dell’Europa. Da allora molto si è conquistato e molto si è perso. Non è questione di nostalgia. E’ solo quello che era. Quello che è. Certo che ad ogni ritorno abbiamo ricercato con ostinazione quell’apparizione magica. Sempre più difficile. Ma oggi, in questa sera bianca, nulla è perduto. Tutto è possibile ancora. Sarà l’odore della neve. Sarà l’alchimia che dà i suoi frutti a distanza di secoli”


“In un giorno come questo bisognerebbe essere dappertutto, non accontentarsi, non stancarsi mai e camminare, camminare, coprendosi di neve come le statue, insensibili al freddo come i cigni della Moldava, per scoprire una Praga più segreta e nascosta, più vera e più sognata…Tornare a fare i piccoli fiammiferai per le vie di Staré Město, dove le case hanno un nome e luci intime e dorate dietro i vetri gelati. Al Leone Bianco, alla Corona d’Oro, al Tavolo di Pietra, all’Unicorno d’Oro…
Sulla torre del Municipio Ebraico c’è un quadrante con le lancette che girano al contrario. Praga se ne sta sospesa tra questo orologio e quello astronomico della Staromestské Námestí, nel punto zero del tempo”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...